Noticias ciclismo

Las ciclistas profesionales Letizia Paternoster y Vittoria Bussi atropelladas durante un entrenamiento

Las dos ciclistas italianas han sufrido un atropello en la misma semana

Las campeonas de ciclismo Letizia Paternoster y Vittoria Bussi han sufrido un atropello durante su entrenamiento en Trentino y Turín (Italia)

Letizia , rotura de muñeca

 

La joven ciclista Letizia Paternoster, con 20 años y con 26 medallas en su haber, sufrió el pasado jueves un atropello por un vehículo en una rotonda en Trentino, donde afortunadamente solo ha sufrido una rotura de la muñeca en el accidente

Vittoria Bussi, con la clavícula fracturada

View this post on Instagram

Giochiamo alla roulette russa? @letiziapaternoster ieri è toccato a noi. Essendo arrivata più tardi di te sulle strade e ad un'età già matura, ho percepito subito che andare in bici in Italia è un gioco d'azzardo. Sala d'attesa dell'ospedale. Nulla di rotto per me, solo una forte botta e spavento, ma Letizia è stata meno fortunata. Permettetemi uno sfogo, scrivo d'istinto sperando che questo mio dolore di oggi possa arrivare a quante più persone possibili e soprattutto ai non ciclisti. Il ciclista e' in fin dei conti un poeta maledetto in questa nostra Italia, "esiliato e deriso" per citare Baudelaire e il suo albatros, dotato di ali da gigante, ma reso infermo da chi non lo comprende. Il non essere accettati e rispettati è un male di vivere. Per poter inseguire il mio sogno (il nostro sogno) devo trovare il coraggio di rimettermi in strada, e di affrontare ogni giorno la paura che oggi mi attanaglia. L'@accpi1946 si sta muovendo con passi da gigante, grazie di cuore. Io nel mio piccolo vi chiedo questo: aiutateci per una grande campagna di sensibilizzazione della massa, perché per quel che sto vivendo sulla mia pelle, i ciclisti in strada sono una categoria non protetta e non rispettata, inaccettabile in un paese civile quale dovremmo essere, inaccettabile quanto ogni altro tipo di intolleranza. Si tratta di rispetto, delle norme della strada, ma, soprattutto, della vita umana. Non voglio ingaggiare una battaglia contro le quattro ruote, sono un'automobilista anche io. Parlo piuttosto di tolleranza, di condivisione del bene comune, della cura per la vita altrui e per la propria. Grazie alla clinica Cidimu IRR che mi sta assistendo nella ripresa.

A post shared by Vittoria Bussi (@vittoriabussi) on

Por su parte, la ciclista de 32 años, Vittoria Bussi, actual record-woman del récord de la hora  con 48,007 km,  también fue atropellada por un automóvil en el centro de Turín cuando un vehículo se cruzó en su camino.

Desde Triatlón Noticias le deseamos una pronta  recuperación

Publicaciones relacionadas

Botón volver arriba
error: No puede hacer esta acción